cristalli centro salute naturale

Ormai anche la scienza ufficiale afferma che gli esseri viventi trascorrono la loro esistenza immersi un un oceano di frequenze e vibrazioni, di cui sono parte. Ogni elemento dell'Universo, dunque, è collegato a tutti gli altri.Ogni intenzione, pensiero, convinzione subconscia, crea un campo di forza che modifica la struttura e l'interazione delle frequenze e delle particelle che compongono la realtà. Non sempre, tuttavia, elaboriamo pensieri luminosi, intenzioni positive, anzi, a volte siamo preda di emozioni conflittuali, risentimenti, delusioni, nervosismi, stress. In questi casi le onde che emettiamo sono tutt'altro che armoniose.

Inoltre ci capita di attraversare momenti di blocco energetico od emozionale, disarmonia, carenza energetica.... ebbene, tutte le energie che vibrano con poco 'equilibrio' sono energie a bassa frequenza, che non ci fanno bene, ma anzi se vengono prolungate troppo nel tempo possono produrre dei seri danni ai nostri campi sottili (meridiani, chakra, aura), e sfociare a volte in un segnale fisico, che chiamiamo 'sintomo'.

In questo caso, il cristallo funziona come un accordatore di strumenti. L'accordatore svolge un lavoro molto delicato, che richiede concentrazione, attenzione, silenzio interiore. Si trova di fronte uno strumento 'scordato' (pensiamo ad un pianoforte o ad una chitarra, quando sono da accordare producono suoni sgraziati!), ma poco alla volta, nota dopo nota, provvede a riportare tutti i suoni alla loro giusta frequenza. Questo è in breve il lavoro che svolge un cristallo sui nostri diversi livelli di energia. Naturalmente è un lavoro graduale e lungo, ma sempre efficace.

Tuttavia qui, proprio perchè stiamo parlando di 'livelli di energia', il meccanismo è un po' diverso, poiché il cristallo, per riportare l'energia al giusto livello, deve operare uno scambio vibrazionale: cioè, per riarmonizzare le nostre 'corde stonate' deve cedere le proprie frequenze armoniose al punto disequilibrato, ma nel passaggio ne assorbe quelle disarmoniche. Questa è una spiegazione un po' semplificata, ma rende l'idea.

Ecco perchè, dopo l'uso, dobbiamo provvedere alla purificazione e ricarica del cristallo, in modo da consentirgli di essere nuovamente a 'pieno carico' la volta successiva!

I CRISTALLI CI CAMBIANO, E CAMBIANO CON NOI.

Non si rimane mai gli stessi dopo aver lavorato con l'energia dei cristalli. La loro azione è talmente sottile e mirata, da produrre sempre dei cambiamenti. A volte non ce ne accorgiamo, ma modifichiamo i nostri comportamenti, trasformiamo le nostre opinioni, andiamo alla ricerca di cose nuove.... iniziare a lavorare con le pietre ci cambia per sempre.

Anche i cristalli cambiano a forza di lavorare: spesso capita di notare nuove ombreggiature o spaccature, piccole sporgenze o altri lievi cambiamenti di aspetto, e non si tratta di cosa rara, ma bensì molto frequente. In qualche modo il minerale continua la sua crescita, sottoponendosi ad onde di energia diverse. Quindi, ci si modifica e trasforma a vicenda, per questo ho sempre molto rispetto per le pietre con cui lavoro: loro mi danno molto, e non voglio essere da meno. A volte succederà anche che un minerale 'muoia', ovvero che si rovini irrimediabilmente dopo aver lavorato su un problema energetico; in questo caso non buttatelo nell'immondizia, ma seppellitelo in giardino o gettatelo in un torrente (o nel mare, al largo di una zona non tanto turistica, dove i fondali sono ancora accettabili). Questo sarà il modo per restituirlo alla Terra che lo ha generato, e per ringraziarlo di non aver risparmiato sull'energia che ci occorreva.

I cristalli e i 'sassi' in generale possono anche aiutarci a lavorare sulle nostre credenze (convinzioni subconscie) limitanti: ponendo una ferma intenzione di risolvere le nostre disarmonie, ed adoperandoci per raggiungere questa trasformazione, le pietre ci saranno di aiuto nel trovare il modo per riequilibrare la situazione.

Attenzione, però: i cristalli hanno una capacità molto forte di focalizzare le nostre intenzioni profonde, quindi con loro non serve indossare maschere: quello che siamo verrà amplificato e portato alla luce, a dispetto di ogni tentativo di reprimere i comportamenti. Quindi, è consigliabile cercare il più possibile di essere se stessi, o verremo sicuramente smascherati!

Share by: